About us

Pietro da Vico

Un soffio di anima vagante s'imprigiona in Pietro ogni volta che prende il pennello (come scopa di strega) per iniziare la storia del segno raccontato (rito antico che si perde nel tempo della luce).

Il segno di Pietro è come il ruscello di montagna che scorrendo si costruisce il suo letto libero, senza forme precostituite, lontano dal certosino lavoro dell'arti-giano, e immerso nel magma che fuoriesce dal vulca-no del fantastico-magnetico, del segno-colore, fine-stra che l'anima vagante usa per guardare, attraverso le lenti dei sensi, un mondo che ha perso, un mondo vagante nello spazio come bolla di sapone, che porta racchiuso con sè i misteri dell'uomo... 


...l'acqua del fiume...
...scava il volto...
...della grande madre...
...i suoi seni...
...eruttano il mare...
...dove l'uomo abbevera il suo tempo...
...le stelle...
...occhi della dea invisibile dell'amore...
...trascinante dal vento del mistero...
...conducono Eva...
...nel giaciglio di Adamo...
...dolcemente l'onda cancella...
...le orme solitarie sulla spiaggia...
...testimonianza dell'infinito...
...portandola con sé...
...nel mondo del silenzio...
...dove la testa della medusa...
...chiusa in una piramide di cristallo...
...sogna il suo cavalluccio marino...